Questa sono io!

Denise.jpg

Ciao, io sono Denise.

Veneta DOC (in spritz I belive), un marito, due figlie, la dolcissima Viky e la vulcanica Rossa (alias Matilde), studi in architettura ed un debole per l’organizzazione degli eventi, da sempre curiosa ed amante della vita.

Portatrice sana d’entusiasmo,
Fitmama per passione,
Sognatrice per vocazione.

Per descrivermi userei un disegno: un arcobaleno che ride.

Già, mi sento proprio così, un mix di emozioni colorate.

E allora perché VeryNormalFitmama?

Perché in un mondo di SUPERWONDERWOMAN io mi sento una donna comune, quella della porta accanto con tanti impegni come tutte voi probabilmente, una mamma come tante che cerca di incastrare ogni giorno doveri e passioni.
Un giorno ho cominciato ad allenarmi nel mio piccolo salotto, quando la Rossa aveva ancora pochi mesi, senza grosse pretese, solo con la voglia di riappropriarmi del mio corpo e di un po’ del mio tempo, di ritrovare l’amore per me stessa e di sentirmi bene.

Essere madre è qualcosa di indescrivibile, un’esperienza unica e totalizzante, ma a volte ci perdiamo nel ruolo della mamma dimenticandoci di tutto il resto, noi comprese, a me è successo.

Quegli allenamenti che facevo solo per me, e parlo di un circuito di 5 minuti (ne ho parlato in questo articolo per NotOnlyMama), senza saperlo sono stati l’inizio di un percorso.
Da lì è nata la mia passione per i workout a corpo libero, per le camminate veloci fatte all’alba, passioni che mi hanno trasformato più mentalmente che fisicamente, che mi stanno trasformando ancora oggi e che si stanno trasformando assieme a me, ma che mi hanno soprattutto arricchita interiormente e portata a credere che non è mai troppo tardi per poter diventare chi vogliamo essere.

Ho sempre creduto nel rosa (cit. Audrey Hepburn), nelle donne che ispirano le donne, nella capacità che noi tutte abbiamo di reinventarci in qualsiasi fase della nostra vita ma soprattutto credo che un sorriso possa cambiare una giornata.

Per me la vita è un continuo working in progress ma imparando a godersi il viaggio e celebrando tutti i piccoli traguardi che si raggiungono lungo il cammino.